Il Teatro

L’attuale, ristrutturato teatro “Verdi”, da alcuni anni autentico fulcro non solo del nostro Comune, ma di tutta la provincia, di rinnovato interesse per l’arte teatrale e per la lirica in particolare, ha una affascinante storia quasi centenaria

La costruzione risale infatti ai primi anni del 900 (l’inaugurazione nel novembre del 1913) ed è subito pensato e progettato nel contesto della Casa del Popolo voluta dal capo lega buscoldese Giuseppe Bertani. Si tratta di un’opera colossale per quel periodo e per quei committenti: simbolo della novella polis socialista, è collocata al centro del paese ed è un edificio con 45 locali e comprende una sala di lettura, un caffè, due sale da osteria, un negozio di alimentari, una latteria, una macelleria, cinque magazzini, un forno a carbone e diversi locali da abitazione per i gestori. Il teatro, con platea e loggia capaci di varie centinaia di spettatori, rappresenta il cuore di questa grandiosa realizzazione che colpisce l’allora fantasia popolare e desta l’invidia di altri. Con l’affermarsi del fascismo anche la Casa del Popolo cessa la sua funzione culturale e sociale per cui era stata costruita con immensi sacrifici e viene assorbita dal nuovo potere politico; anche il teatro “Verdi” subisce una inevitabile decadenza.

Il “Verdi” è comunque affollato quando si esibiscono due gruppi buscoldesi prestigiosi che è doveroso ricordare: l’Orchestra (da ballo) “Littorio” che negli anni trenta fa …impazzire i giovani provenienti da ogni parte della provincia con i virtuosismi di FRIGNANI Wander (violino e sax tenore), ZAMBONI Wolmer detto Tirincheti (contrabbasso), ROSSINI Giuseppe (violino e sax contralto), PEVERADA Amedeo e MINARI Dialma (violino), SIGNORINI Umberto e BURATTI Danilo di S.Lorenzo (fisarmonica) e negli anni quaranta la Compagnia teatrale San Marco con un cast composto da CIRELLI Enea, DALL’OGLIO Antigio, ALTEMANI Vittorio, EBBI Remo, TRIPPINI Rosa, MAGNANI Nia, FRIGNANI Nelly; primo attore nonché regista BINA Aldo detto Gamela.

Con la Liberazione il “Verdi” si riappropria del suo ruolo centrale di cultura e aggregazione del paese. Si esibiscono orchestre prestigiose come l’orchestra Coda di Milano, compagnie di operette di fama nazionale, i fratelli Clerici di Parma, reduci dai successi sui palcoscenici di Milano, con commedie e spettacoli in dialetto parmigiano. Nel 1947 i proprietari fratelli Bertolini vendono il Teatro, il forno ed i locali della trattoria ed alloggio ai fratelli Rinaldo e Dante Pantani che gestiscono direttamente cinema e sala da ballo fino al 1950 quando la gestione del cinema “Verdi” passa prima a Ennio Madella (l’arluièr) ed in seguito a Rino Carli (al cinèr). Memorabili le “veglie studentesche” dal ’58 in poi nel periodo invernale gestite dagli studenti buscoldesi così come la tradizionale “veglia delle viole” in febbraio, veri “eventi” per tutta la provinc

Negli anni settanta il “Verdi” ospita ben sette edizioni della Rassegna Interregionale del Teatro Dialettale, manifestazione finanziata dalla Regione Lombardia di assoluto valore artistico che riscuote meritata fama e notevole interesse da parte dei mezzi di informazione.

Nel 1990 l’Amministrazione Comunale di Curtatone acquista dalla famiglia Pantani il Teatro “Verdi” ed inizia una intelligente ristrutturazione. Questo permette un rilancio del teatro “Verdi” soprattutto per merito delle varie stagioni artistiche che dal 1995 fanno del nostro paese uno dei più prestigiosi fari della lirica e dell’arte in generale dell’intera provincia mantovana.

Iginio Bottani